Storie di cammini

Questa pagina potrebbe contenere informazioni non aggiornate, verifica che la la data dell'iniziativa sia ancora in corso
18 Giu 2016 - 26 Giu 2016

“Storie di Cammini”, due semplici escursioni profondamente legate all’antropologia dei luoghi, portano alla scoperta non solo degli aspetti ambientali e naturalistici dei luoghi, ma anche delle “contie”, ovvero le leggende e le storie delle genti di montagna di ieri e di oggi.

Nell’anno internazionale dei cammini il Comune e la Pro Loco di Ronco Canavese ed il Parco Nazionale Gran Paradiso promuovono due itinerari escursionistici percorsi da tempi immemori da viandanti ed abitanti delle borgate mete dei cammini.

DOMENICA 26 GIUGNO

Tressi - Boschietto e Boschettiera

Ritrovo ore 09 presso il Centro Visitatori “Tradizioni e Biodiversità in una Valle Fantastica” nel capoluogo

Servizio navetta Ronco - Tressi e ritorno con pulmino del Comune di Ronco Canavese 

Giungendo alla frazione Tressi dove termina la strada carrozzabile dell'omonimo vallone con la navetta del comune di Ronco Canavese, si intraprende il sentiero che sale alle borgate Boschietto e Boschettiera a circa 1600 metri di quota. In uno degli ambienti più selvatici e suggestivi del Parco si scoprono orridi scavati dalla forza delle acque di discesa dai ghiacciai, boschi di conifere e pascoli rigogliosi, ma anche grandi rocce che nascondono segni legati alla devozione religiosa e ad antiche presenze.

Le due borgate meta dell'escursione presentano caratteristici esempi dell'architettura alpina storica del territorio, una chiesetta dedicata alla Madonna della Neve, la vecchia scuola e un forno a legna comune oggi recuperato dagli abitanti della frazione.

Info e Iscrizioni: tel 349-1025938

Sabato 18 giugno

Ronco Canavese – Tiglietto

Escursione da Ronco alla borgata Tiglietto accompagnati dalla guida ufficiale del Parco e da Gabriella, storica maestra della Valle Soana. L'escursione, che percorre inizialmente il tracciato del Sentiero Natura, prosegue poi sotto misteriosi ed affascinanti boschi di faggi, dove l'ambiente conserva tutt'ora "contie", leggende e segni di altri tempi, lasciati nel corso della storia dagli uomini che percorsero questa via di montagna.

Foto: M. Ottino

L’Ente Parco non è direttamente responsabile delle informazioni fornite dalle guide e dai partner sul territorio, riportate in questa pagina. Si consiglia di contattare gli stessi per eventuali chiarimenti ed aggiornamenti sui programmi.