Comportamento alimentare e ritmi di attività

Lo stambecco è un ruminante pascolatore. In conseguenza a questa modalità di alimentazione, esso presenta caratteristici ritmi circadiani che, oltre ad essere influenzati come negli altri mammiferi da esigenze legate a termoregolazione, comportamento antipredatorio e cicli ormonali, risentono dei periodi più o meno lunghi di  foraggiamento seguiti da periodi di ruminazione e riposo. La ricerca attualmente in corso si propone di valutare l’influenza della qualità e quantità del foraggio disponibile sul comportamento alimentare e sulla proporzione di tempo che ciascun individuo dedica, durante l’arco della giornata, alle diverse attività. Si cercherà di determinare come le strategie alimentari e i ritmi delle attività giornalieri varino in funzione delle caratteristiche biologiche individuali (età, sesso, dimensioni corporee e posizione gerarchica), del mese e di alcune variabili meteorologiche (temperatura, precipitazioni, distribuzione della copertura nevosa, ecc.). Uno degli obiettivi di questo studio sarà inoltre quello di valutare la relazione esistente fra la qualità delle risorse trofiche disponibili, delle loro variazioni stagionali e annuali, e la qualità della dieta di individui di diverse classi di età e sesso (stabilita attraverso l’analisi di campioni fecali).

Ricercatori e studenti attualmente coinvolti nel progetto
Coordinamento: Stefano Grignolio, Marco Apollonio
Dottorati: Francesca Brivio